Menu
Venerdì, 29 Giugno 2018 20:51

Ha fatto il miracolo di evitare la sofferenza a mio figlio

ha fatto il miracolo800

Tania Galarza, Ecuador: Non ho mai smesso di chiedere a Suor Clare la guarigione di mio figlio.

Tania Galarza è di Guayaquil (Ecuador). Nel mese di luglio del 2016 sperimentò la sofferenza di avere il figlio piccolo ricoverato nel reparto di rianimazione perché molto grave. Sostiene che suor Clare intercedette per il suo piccolo, migliorato rapidamente dopo la preghiera di intercessione fatta da sua madre.

Ciao a tutti! Vorrei raccontare la mia testimonianza riguardo a ciò che mi è capitato con Suor Clare. È successo alcuni giorni fa, precisamente il 22 luglio del 2016. Mio figlio piccolo, Rafael Emilio che ha un anno e sei mesi, è stato ricoverato in un ospedale della città di Guayaquil, in Ecuador, dove abito attualmente. Mio figlio aveva una polmonite molto grave ed è stato ricoverato in rianimazione. Date le sue condizioni gravi, vi è rimasto parecchi giorni. Ha sofferto molto ed è stato sottoposto a vari trattamenti medici.

Avevo messo una fotografia di Suor Clare sotto il suo cuscino per tutto il tempo della sua permanenza in ospedale. L’immagine mi era stata data da mia sorella Melissa, che attualmente è postulante delle Serve del Focolare della Madre da parte dell’altra mia sorella, suor Sandra Galarza. Mia sorella Sandra attualmente risiede in Spagna, perché è novizia delle Serve del Focolare della Madre. Abbiamo sistemato la fotografia, con molta fede, sotto il cuscino, insieme ad un’immagine della Vergine del Carmelo. È rimasta lì per tutto il tempo che mio figlio ha passato in ospedale. Non ho mai smesso di chiedere a Suor Clare la sua guarigione.

Giovedì 28 luglio si era rovinata la flebo attraverso la quale riceveva i medicinali ed era quindi necessario sistemarne una nuova. Quest’operazione avrebbe provocato grande dolore a mio figlio. Era già stato fatto altre tre volte ed era stato molto difficile, dato che le sue vene sono molto piccole e sottili. Le infermiere ci hanno chiesto di uscire dal reparto di rianimazione e aspettare fuori fino a che non avessero finito. Dopo circa 15 minuti non erano ancora riusciti a trovare la vena. Tornata in reparto di rianimazione, fuori dalla camera dove si trovava mio figlio, ho detto con le lacrime agli occhi: “Suor Clare, tu ti trovi accanto al Signore. Tu che fosti così buona in vita, per favore, fa’ che grazie alla tua intercessione Dio ci aiuti, in modo che riescano a trovare velocemente la vena a mio figlio. Fai che non soffra più”.

Appena finito di dire queste parole, il medico che aveva in cura mio figlio è arrivato, chiedendomi perché stavamo lì fuori. Abbiamo risposto che le infermiere stavano cercando la vena di mio figlio. Lui si è lavato le mani, è entrato nella camera e ha detto: “Cosa succede a questo bambinetto? Non fatelo soffrire più, non mettete più la flebo. Lo cureremo per via orale”. Il dottore ha visitato mio figlio e , in quello stesso momento, gli è stato permesso di uscire dalla rianimazione per passare nel reparto e terminare la terapia.

Dopo che il medico è andato, siamo tornate nella camera di mio figlio e ho notato che la fotografia di Suor Clare era per terra. Per me quel momento è stato speciale: ho compreso che lei mi aveva ascoltato e mi aveva aiutato in ciò che le avevo chiesto con tanta fede. Lei ha fatto il miracolo di evitare la sofferenza di mio figlio.

Mio figlio è stato dimesso tre giorni dopo essere passato in reparto e ora si trova già a casa con noi. Ebbi l’onore di conoscere Suor Clare e posso dire che era una persona luminosa che irradiava molta pace e felicità.

Scegli la lingua

Cerca

Reti sociali

Contatto

Se hai qualche ricordo o hai ricevuto qualche favore da Sr. Clare o da una delle 5 candidate decedute durante il terremoto in Ecuador, così come se hai foto o video, ti preghiamo di mandarceli inviando una mail a:  hermanaclare@hogardelamadre.org
Per favore, non ti dimenticare di indicare di dove sei, su quale di loro è la storia che ci riferisci, e come l’hai o le hai conosciuta/e.

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok