Menu

Ricordi - Jazmina

Chelita

Chelita Velásquez, Ecuador
:  
Sono state le prime che ho conosciuto quando sono arrivata al Focolare. Le ho salutate e mi sono piaciute. Quando le ho viste per la prima volta, era come se le avessi conosciute da sempre.

Cristina Pinargote

Cristina Pinargote (Ecuador)Non la vedevi mai scoraggiata. So che soffriva, ma non lo dava a vedere.

Jazmina, Anita e Mayra

Anita (Ecuador)
:  
“Anita, ciò che è necessario per raggiungere la felicità non è una vita comoda, ma un cuore innamorato”.

Jazmina e una amica

Jennifer Martínez (Ecuador): Jazmina amava Gesù e mi fece amare Gesù.

Settimana Santa (2015)

Sr. Kelly Maria Pezo (USA):  Le grazie ricevute durante quella Settimana Santa furono l'ultima spinta verso il compimento della Volontà di Dio su di lei.

Carolina Aveiga

Carolina Aveiga (Ecuador): Lei aveva chiaro che tutto quello che facciamo deve essere per dare “Gloria a Dio” e ogni volta che io lo dimenticavo, era lei a ricordarmelo.

Suor Naomi

Suor Naomi Cabrera (Ecuador):Diceva che lei era solo del Signore e che Lui poteva chiederle qualsiasi cosa.

Hna. Ruth Ibáñez con una chica

Suor Ruth Ibañez (Spagna):
  Era una di quelle persone che, quando iniziano a fare preghiera, vedono subito con chiarezza quello che il Signore vuole da loro.

Aura Cristina y la Hna. Letizia

Aura Cristina (Ecuador)
:  Mi disse che mai avrebbe potuto negare che il Signore l’aveva chiamata ad essere Serva del Focolare.

con los indigenas 800

Sr. Kelly Pezo (Stati Uniti)
:  “Quando ricordavamo i bambini del Puyo, lei domandava sempre quando saremmo tornati. Si donava con moltissima generosità e allegria”.

Letra de Jazmina

Laura Mero Arteaga (Ecuador):  Lei mi guardò e mi sorrise: quello sguardo mi colpì molto perché esprimeva affetto e un grande amore come se mi conoscesse da anni. Fu uno sguardo materno.

nostra madre800

Juan Gregorio Toala (Ecuador):  Conobbi poco Jazmina, ma in quel poco tempo mi resi conto che ciò che conta davvero è amare Gesù.

escritos anonimo ita

Estrella Cornejo (Ecuador):  Quando lei parlava, lo faceva con molta fermezza; io a volte le dicevo che era una ribelle, ma la sua risposta era “No, non è ribellione, si tratta di essere chiara”.

jazmina entrada cajas800

A noi ragazze ciò che fa più paura è ciò che Dio ci può chiedere.

Carolina y  Jazmina

Carolina Aveiga (Chone, Ecuador): ma lei, tra una risata e l’altra, ricordava di averle offerte al Signore per quell’anima.

guada jaz800

Guadalupe Cedeño (Ecuador): Lei diceva: «Per me quando stai male, quando sei triste, è perché c’è qualcosa che non stai dando a Dio.»

naomi 800x390

Sr. Naomi Cabrera (Ecuador): Ciò che ricordo di più era la sua generosità nel realizzare ogni attività.  

Jazmina con amigas

Elaine (Ecuador):  Lei mi diceva: “Lasciati aiutare, lasciati condurre, da’ il tuo cuore al Signore”.  

Chelita Velásquez

Chelita Velásquez (Ecuador):  La sua vocazione mi aiutò molto a vedere come ero io, e a rendermi conto di ciò che stavo facendo male. Grazie a lei compresi che stavo negando molte cose al Signore, e che Egli voleva che mi staccassi dai miei attaccamenti.

jazmina eucaristia

Jazmina e Mayra mi aiutarono ad entrare nel Focolare della Madre

jazmina mayra

"Non dimenticherò mai i suoi consigli! Fu molto coraggiosa e generosa. So che dal Cielo mi sta aiutando."

Scegli la lingua

Cerca

Contatto

Se hai qualche ricordo o hai ricevuto qualche favore da Sr. Clare o da una delle 5 candidate decedute durante il terremoto in Ecuador, così come se hai foto o video, ti preghiamo di mandarceli inviando una mail a:  hermanaclare@hogardelamadre.org
Per favore, non ti dimenticare di indicare di dove sei, su quale di loro è la storia che ci riferisci, e come l’hai o le hai conosciuta/e.