Menu
Mercoledì, 07 Febbraio 2018 12:50

Jazmina e la malattia di sua madre

guada jaz800

Guadalupe Cedeño (Ecuador): Lei diceva: «Per me quando stai male, quando sei triste, è perché c’è qualcosa che non stai dando a Dio.»

Guadalupe Cedeño ci racconta di come la impressionasse la fortezza d’animo di Jazmina di fronte alla grave malattia di sua madre. Il suo motto, in questi momenti così duri era “non fare la vittima”.

Circa due mesi dopo l’entrata di Jazmina come postulante, si scoprì che sua madre aveva un tumore al seno. Mi impressionava molto il modo in cui lei viveva la malattia di sua mamma, perché Jazmina non faceva mai notare il suo dolore. Diceva spesso: «Per me quando stai male, quando sei triste, è perché c’è qualcosa che non stai dando a Dio. È voler attirare l’attenzione su di sé. Essere triste, isolarsi, stare in disparte, non voler fare niente… a me questo da molto fastidio». Diceva anche: «Sarà perché io non sono così, ma ci sono ragazze che, per davvero, il solo vederle mi da coraggio». Era molto decisa in queste cose.

Ricordo una frase che diceva Mamie: «Non fare la vittima». Guarda al Signore sulla croce e, in questo modo, tutto andrà bene, perché hai posto di più la tua attenzione in Lui. Questo era quanto io vedevo in Jazmina. Mi sembrava impressionante che vivesse così bene la malattia di sua madre, non fece mai notare il suo dolore. Quando le suore o il padre Rafael le chiedevano come stesse sua madre, lei rispondeva sempre che stava molto bene, ma c’erano anche dei momenti in cui sua madre stava davvero male. Nonostante ciò, non abbiamo mai visto Jazmina triste. Era sempre molto forte e aiutava persino le altre ragazze.

Scegli la lingua

Cerca

Reti sociali

Contatto

Se hai qualche ricordo o hai ricevuto qualche favore da Sr. Clare o da una delle 5 candidate decedute durante il terremoto in Ecuador, così come se hai foto o video, ti preghiamo di mandarceli inviando una mail a:  hermanaclare@hogardelamadre.org
Per favore, non ti dimenticare di indicare di dove sei, su quale di loro è la storia che ci riferisci, e come l’hai o le hai conosciuta/e.