Menu
Mercoledì, 09 Gennaio 2019 21:00

Un sì definitivo

Suor Naomi

Suor Naomi Cabrera (Ecuador):Diceva che lei era solo del Signore e che Lui poteva chiederle qualsiasi cosa.

Suor Naomi Cabrera de la Rosa è attualmente una novizia delle Serve del Focolare della Madre. Un po’ più di tre anni fa, entrò come candidata a Serva durante la stessa cerimonia in cui Jazmina entrò. Ci parla della felicità di Jazmina quel 20 aprile 2015, nel Santuario di Cajas (Ecuador), e del suo desiderio di non negare nulla al Signore.

Ragazze (Jazmina vestita di giallo)Un ricordo che ho di lei, per me il più significativo, è quando siamo entrate insieme, lo stesso giorno, come candidate a Serve del Focolare della Madre. Era il 20 aprile 2015. Ciò che mi sorprese molto di lei fu il suo atteggiamento. Si rendeva conto che il passo che stava compiendo era già un sì definitivo al Signore, come in effetti sarebbe stato.

La cerimonia di ingresso fu in un santuario mariano che si trova nella Sierra dell’Ecuador, il Santuario di Cajas, dove la nostra Madre è venerata con il titolo di “Guardiana della Fede”. Ciò era molto significativo per Jazmina perché, qualche tempo prima, in un incontro con le suore, in una delle attività, aveva dovuto scegliere quale santuario desiderava visitare. Poteva scegliere tra molti santuari molto noti, ma sentiva fortemente nel suo intimo che doveva scegliere il Santuario di Cajas. E così fece. Lei, in quel momento, non capiva perché, fino al giorno del nostro ingresso.

Partimmo tutti da Guayaquil verso Cajas. Il viaggio dura circa quattro o cinque ore. Lungo la strada, mancava pochissimo, il pullman che ci portava si ruppe. Eravamo in mezzo alla strada ed eravamo già nella Sierra, quindi eravamo su una montagna e la vista era spettacolare. Ricordo che Jazmina saltellava da tutte le parti, con le braccia aperte, con un sorriso e guardava il cielo. E diceva che voleva fare solo la volontà di Dio, che non avrebbe più voluto negarGli nulla. Che se il Signore le chiedeva di lasciare gli studi, a lei non importava; se le chiedeva di andare in Spagna in quel momento, neppure quello le importava. Diceva che lei era solo del Signore e che Lui poteva chiederle qualsiasi cosa.

Dopo qull’occasione siamo state insieme ben poche volte. Tuttavia, so dalle persone che vivevano accanto a lei che, giorni prima del terremoto, era molto contenta perché mancavano solo pochi giorni per compiere un anno di candidata. Il terremoto avvenne il 16 aprile 2016, quattro giorni prima del nostro primo anniversario come Serve.

Scegli la lingua

Cerca

Reti sociali

Contatto

Se hai qualche ricordo o hai ricevuto qualche favore da Sr. Clare o da una delle 5 candidate decedute durante il terremoto in Ecuador, così come se hai foto o video, ti preghiamo di mandarceli inviando una mail a:  hermanaclare@hogardelamadre.org
Per favore, non ti dimenticare di indicare di dove sei, su quale di loro è la storia che ci riferisci, e come l’hai o le hai conosciuta/e.