Menu
Martedì, 12 Febbraio 2019 21:00

Poiché non volle vedere, rimase senza vedere

porque no quiso ver

Carolina Aveiga (Chone, Ecuador):  Ricordo Mayra parlare con un sorriso trascendente.

Carolina Aveiga, di Chone (Ecuador), ricorda un episodio vissuto con la sua buona amica Mayra che fu di fondamentale importanza nel corso della sua vocazione. Tutto cominciò con una suora che raccontò la sua vocazione a tavola, e diede a Mayra la chiave per capire perché non riuscisse a vedere chiara la sua vocazione.

Eravamo andate a Guayaquil a celebrare per la prima volta la solennità di Santa Maria sempre Vergine. Ci eravamo andate noi, le suore di Chone, un gruppo di volontarie americane, Jazmina, Mayra e io.

Sulla via del ritorno rimanemmo a pranzare a Playa Prieta, perché dovevamo lasciare lì il gruppo delle ragazze americane che erano venute in missione. Mentre eravamo a tavola, una suora raccontò la sua vocazione. Spiegò come per lei fu una luce la scena del film della Passione di Mel Gibson nella quale c’è Gesù sulla Croce con i due ladroni e a uno di essi un corvo mangia gli occhi. La suora diceva che un sacerdote le aveva spiegato che questo gli era successo «perché non volle vedere. Poiché non volle vedere, rimase senza vedere». Mayra in quel momento stava lottando molto a causa della vocazione, ma quell’aneddoto fu per lei un segno, perché comprese che aveva rimuginato così tanto sulla questione, che ormai stava dubitando se aveva o no la vocazione a Serva.

Di ritorno a Chone eravamo nella parte posteriore del furgoncino Jazmina, Mayra ed io. Stavamo parlando della preghiera, della Madonna e, d’improvviso, ci siamo trovate a parlare della vocazione, in specifico della vocazione a Serva del Focolare della Madre. Ricordo che Mayra parlava con un sorriso trascendente. Il Signore le aveva appena mostrato qualcosa. Jazmina, da parte sua, cercava di far finta di nulla e non voleva parlare molto di quel tema.

Io chiesi a Mayra se avesse la vocazione. Lei rideva annuendo. E Jazmina la anticipava dicendo: «Sì, Mayra ha la vocazione. Sarà Serva». Mayra ci raccontò allora quello che dissi all’inizio, che per lei era stata una luce del Signore a proposito della sua vocazione quello che la suora aveva detto durante il pranzo, perché a forza di pensarci su così tanto, ormai non era più sicura. Mi chiese di pregare molto per lei, affinché rispondesse molto presto.

Scegli la lingua

Cerca

Reti sociali

Contatto

Se hai qualche ricordo o hai ricevuto qualche favore da Sr. Clare o da una delle 5 candidate decedute durante il terremoto in Ecuador, così come se hai foto o video, ti preghiamo di mandarceli inviando una mail a:  hermanaclare@hogardelamadre.org
Per favore, non ti dimenticare di indicare di dove sei, su quale di loro è la storia che ci riferisci, e come l’hai o le hai conosciuta/e.