Menu
Venerdì, 03 Novembre 2017 21:00

Valeria sarà modello per molti.

emma800

Sr. Emma M. Haynes, SHM (Inghilterra):  «Ho fretta di diventare santo», parola d’ordine che la nostra sorella Valeria prese come sua personale.

Sr. Emma M. Haynes, Serva del Focolare della Madre di nazionalità britannica, è tornata da poco da un pellegrinaggio in Italia con un gruppo di ragazze. Passando per Torino non poteva mancare la visita alla Basilica di Maria Ausiliatrice, in cui è sepolto San Domenico Savio, il giovane discepolo di don Bosco che fu modello per la nostra piccola Valeria. Sr. Emma M. condivide con noi la grazia che ricevette in quel luogo.

Poco tempo fa ho avuto la grazia di poter andare in pellegrinaggio in Italia. Tra i luoghi che abbiamo visitato siamo anche state a Torino, dove avevamo un «appuntamento» con San Giovanni Bosco e San Domenico Savio. Le tombe di entrambi si trovano nella Basilica di Maria Ausiliatrice. Questa Basilica fu costruita in onore della Vergine Maria da San Giovanni Bosco.

San Domenico Savio, discepolo prediletto di don Bosco, deceduto quando stava per compiere quindici anni diceva: «Ho fretta di diventare santo», parola d’ordine che la nostra sorella Valeria prese come sua personale, come motto della sua breve vita.

Quando siamo arrivate alla tomba del giovane santo e mi sono messa in ginocchio, mi è venuto da dirgli un «grazie» molto grande per il suo esempio, che aveva tanto aiutato la nostra sorella. E stando lì, in questo rendimento di grazie, ebbi la convinzione che – come san Domenico Savio era stato un modello per Valeria – lei lo sarebbe stato per molti altri, e che a lei dobbiamo affidare la santità dei bambini e dei giovani.

Sr. Emma M. Haynes

Scegli la lingua

Cerca

Reti sociali

Contatto

Se hai qualche ricordo o hai ricevuto qualche favore da Sr. Clare o da una delle 5 candidate decedute durante il terremoto in Ecuador, così come se hai foto o video, ti preghiamo di mandarceli inviando una mail a:  hermanaclare@hogardelamadre.org
Per favore, non ti dimenticare di indicare di dove sei, su quale di loro è la storia che ci riferisci, e come l’hai o le hai conosciuta/e.

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok