Menu
Lunedì, 08 Maggio 2017 11:20

Una missione per Valeria

Valeria

Sr. Reme Rodríguez, SHM, e Sr. Conchi García del Pino, SHM: L’aborto sarebbe stato il giorno successivo alle nove di mattina. Sr. Conchi, dopo aver finito di parlare con Conchita, percorse la casa chiedendo preghiere alle suore che incontrò.

h reme h conchiDalla comunità di Serve del Focolare della Madre di Zurita (Cantabria, Spagna) ci mandano questo articolo. Dopo l’arrivo di un’urgente richiesta di preghiere per un bambino che avevano deciso di abortire, la comunità di suore chiese a Valeria che – se poteva intercedere – pregasse il Signore per la vita di quel bambino. Questo è stato il risultato.

Alcuni giorni fa, Conchita Ibañez, membro dei Laici del Focolare della Madre e molto impegnata nel movimento Pro-vita, ci chiamò con una richiesta di preghiere urgenti. Aveva conosciuto una coppia che stava aspettando un figlio, ma aveva preso la decisione di abortirlo. Dopo una profonda conversazione con alcuni membri Pro-vita, la coppia aveva deciso di andare avanti con la gravidanza. Ma nel tornare in ospedale per una revisione, si erano incontrati con l’ostetrica, la quale li aveva convinti di nuovo ad abortire e aveva persino risolto loro la questione dell’appuntamento. L’aborto sarebbe stato il giorno successivo alle nove di mattina. Sr. Conchi, dopo aver finito di parlare con Conchita, percorse la casa chiedendo preghiere alle suore che incontrò.

Alcune ore dopo, giunta l’ora di pranzo e riunendosi tutte le suore, Sr. Conchi ripeté la richiesta di preghiere per la vita di quel bambino. Sr. Estela propose allora di affidare questa missione a Valeria. Tutte erano d’accordo, ma Sr. Reme si rese conto che avevano bisogno di un segno – se la gravidanza fosse andata avanti – per sapere se c’era stato un intervento di Valeria. Così chiese come segno che la coppia non si recasse all’appuntamento con l’ostetrica, neppure per dirle che avrebbero portato avanti la gravidanza.

Il giorno successivo chiamò di nuovo Conchita. Era raggiante. La coppia aveva deciso di portare avanti la gravidanza. E il segno fu concesso. Non erano andati all’appuntamento, perciò non avevano visto l’ostetrica.

 

Scegli la lingua

Cerca

Reti sociali

Contatto

Se hai qualche ricordo o hai ricevuto qualche favore da Sr. Clare o da una delle 5 candidate decedute durante il terremoto in Ecuador, così come se hai foto o video, ti preghiamo di mandarceli inviando una mail a:  hermanaclare@hogardelamadre.org
Per favore, non ti dimenticare di indicare di dove sei, su quale di loro è la storia che ci riferisci, e come l’hai o le hai conosciuta/e.

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok