Menu
Giovedì, 17 Gennaio 2019 21:00

Hai già chiesto al Signore che cosa vuole da te?

Valeria con una amiga



Sapeva come consigliarmi e, dato che avevamo la stessa età, mi fidavo totalmente di lei e sentivo che poteva capirmi.

Un’amica di Valeria, della sua stessa età, quindici anni, e originaria di Chone (Ecuador), ci racconta i suoi ricordi su di lei. Impressiona di quanto fosse chiaro per Valeria che l’unica cosa importante in questa vita è conoscere e abbracciare la volontà di Dio. E impressiona anche come le volessero bene le ragazze della sua età e come la ammirassero, anche quando spesso, con i suoi commenti e con le sue riflessioni, le faceva riflettere e porsi domande molto serie.

durante unos campamentos

Valeria con delle compagne durate un campo estivo

Ciao a tutti, 

io conobbi Mayra, Maria Agusta, Valeria, Catalina e Sr. Clare durante il mio primo campo estivo, nel 2016. Allora avevo quattordici anni. Ricordo che tutte erano molto attente, chiedendomi sempre cose di questo genere: “Come stai? Come hai conosciuto le suore? Da quando vai agli incontri? Come ti sembrano le ragazze? Ti diverti? Hai già preso l’impegno? Che impegno hai preso?”. 

Cercavano sempre di farti sentire bene...

Ricordo che me la stavo passando molto male al campo. Insomma! Era il mio primo campo ed ero vice-caposquadra. Stavo in una squadra difficile e volevo andarmene di corsa a casa... 

Anche Valeria era vice-caposquadra, e nel fare la fila per squadre per la preghiera eravamo sempre a fianco. Mi chiedeva sempre: “Come stai?”. E io le rispondevo come andavano le cose nella mia squadra. Mi ispirava fiducia. Sentivo che potevo raccontarle tutto. Lei mi diceva di fidarmi del Signore, che se Egli mi aveva messo lì era perché Egli confidava in me, che non Lo deludessi e che chiedessi forza alla Vergine Maria per continuare... Sapeva come incoraggiare!

Valeria jugando en campamentoRicordo anche che, sempre quando ci vedevamo o quando andavamo a Playa Prieta o quando loro venivano a Chone, prima ancora di dirmi “Ciao” mi chiedeva: “Hai già chiesto al Signore che cosa vuole da te?”. E dopo aver ascoltato la mia risposta, lei mi diceva cose di questo genere: “Continuo a pregare affinché tu Glielo possa chiedere e aprire il tuo cuore”. 

Sapeva come consigliarmi e, dato che avevamo la stessa età, mi fidavo totalmente di lei e sentivo che poteva capirmi.

L’ultima volta che la vidi fu durante l’Incontro della Settimana Santa. C’era una ragazza che se la stava passando male. Valeria lo notò e una sera in camera disse: “Se solo dessimo al Signore ciò che ci chiede giorno dopo giorno, senza lamentarci... Quanto saremmo felici!”. Anche se non lo aveva detto direttamente a me, mi fece pensare…

Posso dire che, nel poco tempo che la conobbi, giunsi a volerle bene e ad ammirarla molto. È un grande esempio per tutte.

Scegli la lingua

Cerca

Reti sociali

Contatto

Se hai qualche ricordo o hai ricevuto qualche favore da Sr. Clare o da una delle 5 candidate decedute durante il terremoto in Ecuador, così come se hai foto o video, ti preghiamo di mandarceli inviando una mail a:  hermanaclare@hogardelamadre.org
Per favore, non ti dimenticare di indicare di dove sei, su quale di loro è la storia che ci riferisci, e come l’hai o le hai conosciuta/e.

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok