Menu
Sabato, 04 Giugno 2016 11:00

Se Gesù lo voleva, lei lo voleva.

Sr. Teresa Maria Pérez, Spagna

Hna TMLe importavano veramente le anime, e qualunque sforzo era poco per aiutarle e per portarle a Dio.

Sr. Teresa M. Pérez, SHM, è della Cantabria (Spagna), ed entrò nelle Serve il 25 marzo 1993.

Io ebbi l’opportunità di conoscere Sr. Clare durante la sua prima Settimana Santa in Spagna, nel 2000. Questo mi ha permesso di essere testimone, dalla mia posizione, della sua evoluzione nel corso di tutti questi anni.

È chiaro che sempre si è distinta per la sua gioia e la grande simpatia, il suo grande dono di stare con la gente, la sua capacità di recitare, il suo dono per la musica e per le lingue. Ma il punto chiave della questione fu il cambiamento che diede alla sua vita a partire da quel suo primo incontro personale con Gesù, in quel Venerdì Santo, nel baciare e venerare la Croce.

h clare con ninos

Sr. Clare negli Stati Uniti

Era una persona piena di doni, con una grande facilità nel toccare il cuore della gente, sia di bambini e giovani, sia di adulti. I miei genitori ebbero l’opportunità di partecipare assieme a lei ad un pellegrinaggio in Terra Santa, e per loro era “la suora andalusa”. Li impressionava la grande gioia e l’affetto che trasudava dai pori. Grazie a Dio si convertì, e questo le permise di volgere tutti i suoi talenti nel condurre le anime verso Dio. Era facile vederla circondata da giovani, tra canti e gioia, e, in mezzo al trambusto, non si risparmiava di parlare con chiarezza e serietà, non c’era accondiscendenza al peccato, non aveva problemi nel dire le cose come sono. Le importavano veramente le anime, e qualunque sforzo era poco per aiutarle e per portarle a Dio, spesso in mezzo ai suoi forti mal di testa, cosa che era relativamente frequente. Non cercava l’ammirazione, cercava il bene dell’altro, e se doveva parlare con serietà e crudezza lo faceva. Era orientata verso Dio e cercava di orientare le anime verso di Lui.

Aveva una grande facilità per la recitazione, e frequentemente ci faceva ridere rappresentando vari personaggi. Lo faceva per noi, le piaceva farci ridere. Spesso, di fronte a un pubblico meno abituale e più sconosciuto, l’ho vista fare lo sforzo di vincere se stessa e di superare la vergogna che sentiva.

Era sempre disposta a fare ciò che le si chiedeva, sentendosi più o meno capace: se Gesù lo voleva, lei lo voleva.

Con il trascorrere del tempo l’ho vista crescere e maturare a una grande velocità, direi che prese molto sul serio la santità e subito mise mano all’opera. Si dimenticò di se stessa e Dio divenne il suo centro.

Pensare a Sr. Clare va unito irrimediabilmente allo sbocciare di un sorriso, per me è sempre stata un motivo di gioia.

Scegli la lingua

Cerca

Contatto

Se hai qualche ricordo o hai ricevuto qualche favore da Sr. Clare o da una delle 5 candidate decedute durante il terremoto in Ecuador, così come se hai foto o video, ti preghiamo di mandarceli inviando una mail a:  hermanaclare@hogardelamadre.org
Per favore, non ti dimenticare di indicare di dove sei, su quale di loro è la storia che ci riferisci, e come l’hai o le hai conosciuta/e.