Menu
Lunedì, 18 Giugno 2018 19:46

I sussurri del demonio

i sussurri del dem800

Le tue costanti paure su quello che potrebbe pensare la gente di te, ti paralizzano.

Suzy Donovan è una giovane degli Stati Uniti che conobbe da vicino Suor Clare durante il periodo che trascorse a Jacksonville (EEUU). Ringraziamo di cuore Suzy per aver voluto condividere con noi questa breve, ma interessante lettera che Suor Clare le scrisse anni fa.

Cara Suzy,

Per poter essere libero e seguire veramente Dio, uno deve abbandonare tutte le sue “sicurezze”, molte volte false e vane.

L’immagine può essere ( e molte volte è) una falsa sicurezza. E’ qualcosa dietro la quale ci possiamo “nascondere”. E’ qualcosa da cui dipendiamo troppo: “Cosa penseranno di me se mi vedessero così?”, “Sembro grassa?”, “Ho i capelli brutti?”, “La gente vorrà ancora stare con me, se ho i brufoli?”…

Queste domande ci torturano. Sono come un vortice dentro di noi. Sono i sussurri del demonio che, con queste domande vane, superficiali e tristi, ci distoglie dai nostri veri obiettivi, da chi vogliamo essere veramente, da chi siamo in realtà.

Quando qualcuno, (quando tu) cerchi di fare bella figura, i tuoi sforzi per farlo sono sbagliati. Le tue continue paure riguardo a ciò che penserà la gente di te ti paralizzano, che tu te ne renda conto o meno. Un modo per liberarci di questa “falsa immagine”, di banale sicurezza, è quello di non dare importanza al tuo aspetto esteriore. Per questo motivo te lo sto chiedendo: Che importa ciò che la gente pensa di te?

“L’Amore ( e permettimi di aggiungere la dedizione e l’obbedienza) rappresenta la bellezza dell’anima.”

Suor Clare.

Scegli la lingua

Cerca

Reti sociali

Contatto

Se hai qualche ricordo o hai ricevuto qualche favore da Sr. Clare o da una delle 5 candidate decedute durante il terremoto in Ecuador, così come se hai foto o video, ti preghiamo di mandarceli inviando una mail a:  hermanaclare@hogardelamadre.org
Per favore, non ti dimenticare di indicare di dove sei, su quale di loro è la storia che ci riferisci, e come l’hai o le hai conosciuta/e.