Menu
Venerdì, 07 Giugno 2019 21:00

Cambiare costa e lottare stanca!

Karolina (derecha)

Karolina Vera:  È una lettera che Sr. Clare mi consegnò sabato 9 aprile 2016, proprio una settimana prima del terremoto.

Karolina Vera ci invia l'ultima lettera che le scrisse Sr. Clare, proprio una settimana prima del terremoto del 16 aprile del 2016 nel quale la suora è morta. Sr. Clare rispose a una specie di “chiamata interiore” per dire alcune cose a Karolina. Una settimana dopo questa breve lettera era diventata il “testamento” di Sr. Clare a Karolina. Karolina inizia spiegandoci il contesto in cui Sr. Clare le consegnò la lettera. 

Abbiamo trascritto la lettera, ma vi invito a leggerla nell’originale, grazie alla fotografia che accompagna l'articolo. Il testo è accompagnato da disegnini -intraducibili a parole- che rafforzano il contenuto del testo.

L'immagine che vi invio è una lettera che Sr. Clare mi consegnò sabato 9 aprile 2016, proprio una settimana prima del terremoto. Ricordo che stavamo parlando un po’ fuori dalla cappella della scuola. Io notavo che era un po' strana. Era come se dovesse dirmi qualcosa che non osava fare. La verità è che io conoscevo Sr. Clare piuttosto bene, però non diedi troppa importanza a questo aspetto.

Ad un certo punto mi arrabbiai un po' per una cosa che mi disse e quindi me ne andai. Entrai in cappella e mi sedetti nel terzo banco. Due minuti dopo Sr. Clare entrò. Si inginocchiò nel banco proprio dietro al mio e mi disse all'orecchio: “Siccome ti sei arrabbiata con me e te ne sei andata non ho avuto tempo di darti questo”. Mi mostrò la lettera e continuò dicendo: “Ho molta vergogna nel fare questo, però il Signore me l’ha chiesto e io obbedisco, anche se non capisco”. Mi diede la lettera e uscì dalla cappella.

Devo riconoscere che all'inizio mi risultò divertente, perché Sr. Clare ed io ci vedevamo tutti i giorni, e quello che lei aveva scritto nella lettere facilmente avrebbe potuto dirmelo in faccia, senza necessità di scriverlo. Così fu al momento, poi capii che era quello che Dio le aveva chiesto e che lei obbediva a quella richiesta. Questo divenne un richiamo di attenzione alla mia coscienza, su come io stavo obbedendo a Dio e alle persone che mi stavano attorno. Quindi da quel momento smise di essere divertente.

Ringrazierò sempre Dio per avermi dato l'opportunità di vivere con Sr. Clare e le ragazze, e per tutto quello che ho potuto imparare e ascoltare da lei.

Questo è il testo della lettera:

Lettera di Suor Clare a Karolina


Cara Karola,

cambiare COSTA e lottare STANCA!

Ricordati la prima volta che sei andata al Puyo. Ti hanno mandato nella comunità di Yan-Pis - la più difficile! -. Non è vero che quasi sei rimasta a metà strada, in una delle comunità precedenti?

Sapevi che alcune persone, compreso P. Pedro, ti stavano per lasciare lì prima di arrivare alla tua meta (Yan-Pis)? Tuttavia hai tirato fuori la forza da dove sembrava non ce ne fosse e anche se ti COSTAVA e TI STANCAVA, SEI ARRIVATA!!!

Impara da questa lezione... “Prestami attenzione”. NE VALE LA PENA!!!

Non ti allontanare mai, mai, MAI da Dio e dalla Madonna. Se lo fai sei messa male. Sul serio. Sei una brava persona e puoi dare e cambiare molto. Lo so. Avanti, non avere paura!

Sr. Clare

“Se ci neghiamo a cambiare, rifiutiamo la persona che dobbiamo essere”

Scegli la lingua

Cerca

Reti sociali

Contatto

Se hai qualche ricordo o hai ricevuto qualche favore da Sr. Clare o da una delle 5 candidate decedute durante il terremoto in Ecuador, così come se hai foto o video, ti preghiamo di mandarceli inviando una mail a:  hermanaclare@hogardelamadre.org
Per favore, non ti dimenticare di indicare di dove sei, su quale di loro è la storia che ci riferisci, e come l’hai o le hai conosciuta/e.

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Ok