Menu
Sabato, 10 Dicembre 2016 21:00

Alimento per la tua riflessione

Alimento para reflexionar

“Quando tu sei in guerra spirituale, quando stai lottando e non ti arrendi al peccato e all’egoismo, allora avrai pace”.

Hermana Clare

Un altro breve scritto di Sr. Clare, scarabocchiato su un foglio di quaderno per una ragazza molto vicina a lei. Una breve riflessione spirituale, delle domande affinché la ragazza le ponga a se stessa, delle citazione della Scrittura che l’aiutino a trovare le risposte adeguate... Non leggerlo come se non avesse nulla a che fare con te. È a te che si rivolge Sr. Clare, per te sono quelle domande, per te quelle citazioni della Parola di Dio. Le parti sottolineate e in maiuscola sono così come nell’originale di Sr. Clare.

Alimento para reflexionar

Nella vita spirituale la pace non viene per l’assenza di guerra, ma la pace è il frutto della guerra. In altre parole, quando tu stai lottando con tutta la tua anima per fare la volontà di Dio, quando tu sei “in guerra” contro il mondo, la carne e il demonio, usando le armi che Dio ti dà, allora avrai pace. Quando tu sei in guerra spirituale, quando stai lottando e non ti arrendi al peccato e all’egoismo, allora avrai pace.

ALIMENTO PER LA TUA RIFLESSIONE:
-    Devo SENTIRMI felice per ESSERE felice?
-    Quando penso che tutto va male... sto guardando troppo a me stessa e alla mia propria forza?
-    Mi ha creato Dio o io ho creato me stessa?

Perciò...

Leggere e copiare:

Romani 6, 20-23
Romani 6, 12-14
Romani 8, 4-9
Romani 1, 21-26
Ezechiele 3, 17-20

Avviso:
Le persone che ti circondano non sono tue nemiche.
Il tuo direttore spirituale non è tuo nemico.
Tu sei il tuo stesso nemico e, se non confidi, distruggerai te stessa.

Scegli la lingua

Cerca

Reti sociali

Contatto

Se hai qualche ricordo o hai ricevuto qualche favore da Sr. Clare o da una delle 5 candidate decedute durante il terremoto in Ecuador, così come se hai foto o video, ti preghiamo di mandarceli inviando una mail a:  hermanaclare@hogardelamadre.org
Per favore, non ti dimenticare di indicare di dove sei, su quale di loro è la storia che ci riferisci, e come l’hai o le hai conosciuta/e.