Menu

La Hna. Clare con un grupo de niñas

A Jacksonville, Florida (USA), le nostre Sorelle hanno trovato 6 pagine con diverse storie di miracoli eucaristici.

Sr. Clare aveva scaricato queste storie da Internet, le aveva stampate e le aveva usate con i bambini della scuola Assumption Catholic. In alto nella prima pagina abbiamo trovato questa breve nota scritta da Sr. Clare: «I bambini amano queste storie prima di andare all’adorazione». Aveva osservato come aiutassero davvero i bambini a crescere nella fede nell'Eucaristia! Qui di seguito, condividiamo la prima storia.

La scrittura di Sr. Clare

Miracolo Eucaristico di Roma

ITALIA, VI - VII secolo

Un giorno che Papa San Gregorio celebrava la Santa Messa nell'antica chiesa dedicata a San Pietro, al momento di distribuire la Santa Comunione, si accorse che tra i fedeli in fila c'era anche una delle donne che aveva preparato il pane per la consacrazione (in quel tempo era consuetudine che il pane usato per la Messa fosse preparato dai fedeli stessi). La donna, però, rideva a crepapelle, così il Papa le chiese il motivo del suo comportamento. La donna si difese dicendo che non poteva credere come fosse possibile che proprio il pane che aveva preparato con le sue stesse mani, grazie alle parole della consacrazione, potesse diventare il Corpo e il Sangue di Cristo. San Gregorio allora le proibì di fare la Comunione e cominciò a pregare Dio che illuminasse questa donna. Aveva appena finito di pregare quando vide quello stesso pezzo di pane, preparato da quella donna, diventare Carne e Sangue. A quel punto la donna si pentì, cadde in ginocchio e cominciò a piangere. Una parte del reliquiario è conservata ancora oggi nel monastero benedettino di Andechs (Germania).

Scegli la lingua

Cerca

Newsletter

Contatto

Se hai qualche ricordo o hai ricevuto qualche favore da Sr. Clare o da una delle 5 candidate decedute durante il terremoto in Ecuador, così come se hai foto o video, ti preghiamo di mandarceli inviando una mail a:  hermanaclare@hogardelamadre.org
Per favore, non ti dimenticare di indicare di dove sei, su quale di loro è la storia che ci riferisci, e come l’hai o le hai conosciuta/e.