Menu

Sr. Clare e il preseppe

Quanto è bello poter dare e fare del bene! Sia benedetto Dio, è Lui che fa tutto!

Abbiamo trovato questa e-mail che le suore della comunità di Jacksonville avevano inviato a tutte le nostre comunità di Serve del Focolare della Madre nei primi giorni di gennaio del 2009. Lo stile di Suor Clare si distingue, sebbene nascosto dietro la firma "Le vostre sisters di Jacksonville", nello scrivere come rappresentante della comunità. Ne condividiamo una parte con tutti voi.

Cara famiglia, Buon Natale e Felice Anno Nuovo! 

Sì, famiglia, sì, siamo le vostre sorelle della città di Jacksonville. Perdonateci per non aver scritto prima, ma non ci siamo dimenticate di voi, anzi, care tutte, anzi.

(...) Le persone qui sono molto generose (…) tutti ci hanno regalato dei biscotti. Li chiamano "cookies" qui. Volevamo condividerli con voi, come buone sorelle, ma non sapevamo come mandarveli con questa e-mail.

Il pomeriggio del 24, dopo aver decorato la casa, adorato Jesus ín chiquitín monín (N.d.T.: Il piccolo Gesù, piccino, carino), cenato, cantato e cantato ancora, siamo andate in parrocchia per la Messa di Mezzanotte. 

Alle undici e un quarto la Jacksonville Philharmonic Orchestra ha iniziato a suonare i canti natalizi in chiesa. La chiesa intera era al buio, solo il Tabernacolo e il presepe erano illuminati. Dopo che Padre Fred ha benedetto il presepe, si sono accese tutte le luci e la Messa è iniziata. Era tutto molto bello e molto solenne. C'era un'atmosfera di raccoglimento e di adorazione di fronte a questo mistero così grande, davanti a questo Bambino così piccolo.

Sr. Clare con Gesù Bambino

Dio si è fatto uomo! (...) 

Un altro giorno [nel periodo natalizio] siamo anche andate a visitare i malati in ospedale e a portare loro la Comunione ... È stato proprio provvidenziale, perché quello stesso giorno la signora della parrocchia che sarebbe dovuta andare non poteva farlo, e il sacerdote che aspettavano era ammalato. Quindi siamo andate noi, con la chitarra e i libretti con le canzoni, e quando la gente ci ha visto arrivare era molto felice. 

Eddy e alcune di noi suore entravamo per primi nelle stanze dei malati, parlavamo un po’ con loro e poi tutte le ragazze entravano per intonare dei canti natalizi. Eddy ci ha portato anche nel reparto di terapia intensiva. Non siamo riuscite a entrare tutte, e sono entrati solo Eddy, Suor Isabel e Suor Clare. 

Per prima cosa, siamo andati a trovare una signora di 32 anni che era in coma con un respiratore. Ha una figlia di 13 anni. Suo padre era lì a pregare per la guarigione di sua figlia. È figlia unica. Il padre aveva molta fede, ma si vedeva che soffriva molto… Abbiamo pregato un mistero del Rosario lì intorno al suo letto e l'abbiamo affidata alla Madonna. Gli altri pazienti di questo piano e le loro famiglie sono stati molto grati per la nostra visita. 

Per tutti noi è stata una grazia; quanto è bello poter dare e fare del bene! 

Sia benedetto Dio, è Lui che fa tutto! 

Vi lasciamo con alcune parole del nostro Santo Padre [Benedetto XVI]: “La gloria di Dio è nel più alto dei cieli, ma questa altezza di Dio si trova ora nella stalla, ciò che era basso è diventato sublime. La Sua gloria è sulla terra, è la gloria dell’umiltà e dell’amore. E ancora: la gloria di Dio è la pace. Dove c’è Lui, là c’è pace. Egli è là dove gli uomini non vogliono fare in modo autonomo della terra il paradiso, servendosi a tal fine della violenza. Egli è con le persone dal cuore vigilante; con gli umili e con coloro che corrispondono alla sua elevatezza, all’elevatezza dell’umiltà e dell’amore. A questi dona la Sua pace, perché per loro mezzo la pace entri in questo mondo”. 

La Vergine Santa doni a tutti noi un cuore vigilante e umile come il Suo. 

Vi vogliamo tantiiiiiiissimo bene! 

Uniti nell'Eucaristia.

Le vostre sisters di Jacksonville.

Scegli la lingua

Cerca

Newsletter

Contatto

Se hai qualche ricordo o hai ricevuto qualche favore da Sr. Clare o da una delle 5 candidate decedute durante il terremoto in Ecuador, così come se hai foto o video, ti preghiamo di mandarceli inviando una mail a:  hermanaclare@hogardelamadre.org
Per favore, non ti dimenticare di indicare di dove sei, su quale di loro è la storia che ci riferisci, e come l’hai o le hai conosciuta/e.