Menu

Piccolina

Condividiamo questa storia che Sr. Clare scrisse per la rivista per bambini del Focolare della Madre nel 2004. Sono storie con un fondo di verità, ma ella le scriveva soprattutto per comunicare un insegnamento ai bambini.

In questa il finale esprime tutto il suo amore verso la Vergine Maria, un amore che veramente avrebbe scoperto molti anni dopo e che l’avrebbe portata a scrivere questa storia con la speranza che pure i bambini potessero fare atti d’amore e di generosità verso la loro Madre celeste. Nell’audio potete ascoltare Sr. Clare stessa raccontarla in spagnolo.

Nella mia scuola c'era una statua molto grande della Madonna, e quando ero piccola, durante il mese di maggio, ci recavamo presso la statua cantando delle canzoni a nostra Madre. A volte c'erano bambini che coglievano fiori per metterli ai piedi della Vergine, e poi la professoressa dava loro un adesivo, che rappresentava una faccia felice e che brillava nell'oscurità. I ragazzi e le ragazze che si erano comportati molto bene durante quel mese ricevevano anch'essi un adesivo. Erano gli adesivi più belli del mondo.

Una delle mie sorelline ed io desideravamo avere uno di questi adesivi fosforescenti. Io pensavo: «Posso ottenere uno degli adesivi se... 1) metto un bel fiore ai piedi della Madonna o 2) se mi comporto bene durante il mese di maggio...». La prima ipotesi mi sembrava molto più facile: dovevo solo cogliere dei fiorellini e l'adesivo sarebbe stato mio. Parlai di questo modo tanto facile di ottenere l'adesivo a mia sorella Shauna. Fu subito d'accordo, e così andammo entrambe alla ricerca di un fiore.

La mia casa è molto vicina ad un fiume che si chiama Foyle, e a fianco c'è un campo molto grande che si chiama Campo delle Margherite, proprio perché normalmente ce ne sono molte. Ci dirigemmo perciò verso quel campo.

La mia sorellina corse più veloce di me, e quando arrivò iniziò a gridare: 
«Clare, vieni veloce, c'è un signore con la sua macchina che ha delle forbici grandi grandi, e ha tagliato tutta l'erba e i fiori!».

Rapidamente corsi a vedere cosa succedeva. Effettivamente c'era un uomo con una falciatrice che aveva tagliato tutta l'erba e quindi anche le margherite. Andammo di corsa verso l'uomo che proprio in quel momento aveva finito il suo lavoro.
«Senta, signore, – gli disse mia sorella – non tagli più l'erba perché così non possiamo avere il migliore adesivo del mondo!».
L'uomo, un po' perplesso, guardava mia sorella e poi me, e diceva: «Come?»
Io gli spiegai tutta la storia.
«Mi spiace, ragazza, ma così è la vita».

Piccolina

Che cosa avremmo potuto fare? Pensavamo che l'unico posto che poteva avere dei bei fiori era il giardino della vicina, ma, ovviamente, non potevamo coglierli perché non ne avevamo il permesso, e in ogni caso era sempre seduta sull'uscio di casa e ci poteva vedere.

Tornammo così a casa molto tristi. Passando davanti alla casa della vicina, ella ci chiamò.
- Che facce tristi avete! È successo qualcosa?
Raccontammo tutta la storia dell'adesivo e ciò che ci era successo nel Campo delle Margherite.
«Ah! – ci disse – Allora l'unica ragione per cui andavate a mettere i fiori ai piedi della Madonna era per ottenere l'adesivo!».
«Sì», rispondemmo. La signora scosse la testa: "Povera Maria, povera, povera Maria". 
«Perché?», chiedemmo.
«Mah, guardate, immaginatevi di essere invitate alla mia festa di compleanno: voi venite e mi date un regalino, ma immediatamente correte verso il tavolo su cui c'è una grande torta al cioccolato e mi piantate lì senza una parola. Io ci rimarrei molto male».
«Noi non faremmo mai una cosa del genere», dissi io, e la mia sorellina aggiunse: «Ti daremmo un pezzo di torta».
«Già, però questo è quello che state facendo alla Madonna. Sembra che Le stiate dando il fiore perché Le volete bene, ma in realtà glielo state dando per ottenere un adesivo. Ricordatevi della canzone che avete imparato l'altro giorno a scuola: Maggio è il mese di Maria. In questo mese, quindi, dobbiamo fare uno sforzo speciale perché nostra Madre sia felice, offrendoLe fiori e cantandoLe canzoni, perché Ella si occupa sempre di noi, ci guarda dal Cielo e Le piace molto quando ci comportiamo bene a scuola e a casa».

Detto questo si alzò, tagliò due rose rosse dal rosaio che aveva nel giardino, e, nel darcele, disse: «Queste sono per la Madonna».

Il giorno dopo, quando andammo a scuola, le nostre insegnanti dissero: «Che belle!», e mi diedero l'adesivo. Lo stesso successe a mia sorella.

Dopo la ricreazione mi recai dov'era la statua per lasciare la rosa, e vidi la rosa di mia sorella, con il suo adesivo appiccicato ad uno dei petali! Guardandola, e, anche se mi costava un sacco, appiccicai anch'io il mio adesivo, il più bello del mondo, alla rosa, sapendo che nostra Madre mi stava guardando dal Cielo, e aveva sicuramente un sorriso più grande del Campo delle Margherite.

Scegli la lingua

Cerca

Newsletter

Contatto

Se hai qualche ricordo o hai ricevuto qualche favore da Sr. Clare o da una delle 5 candidate decedute durante il terremoto in Ecuador, così come se hai foto o video, ti preghiamo di mandarceli inviando una mail a:  hermanaclare@hogardelamadre.org
Per favore, non ti dimenticare di indicare di dove sei, su quale di loro è la storia che ci riferisci, e come l’hai o le hai conosciuta/e.